Helsinki ha sicuramentente un suo fascino, ma non mi ha colpito come mi aspettavo. Ci sono tanti aspetti degni di nota, alcuni decisamente unici, ma complessivamente la città lascia un po’ d’amaro in bocca.

Ogni volta che ci troviamo ad intraprendere un nuovo viaggio siamo consci del luogo che stiamo per visitare e di quello che ha da offrire. In questo caso c’è da fare una premessa le uniche informazioni che Marco aveva riguardavano concerti, birra e cibo.

Di fatto possiamo dire che ho intrapreso questo viaggio con un obiettivo, o forse due se aggiungiamo ascoltare della buona musica, ad ogni modo volevo assolutamente mangiare la carne di renna e di orso.

In questo articolo cercherò di darvi informazioni su Helsinki analizzando punto per punto cosa mi ha sorpreso positivamente e cosa no.

Perché Helsinki merita di essere visitata

Temppeliaukion Kirkko

La chiesa nella roccia (Temppeliaukion Kirkko) è magnifica (Non trovo altre parole per descriverla), si tratta di una chiesa letteralmente scavata nella roccia di granito con una  copertura che filtra la luce in modo da rendere tutto più speciale. Oltre ad essere una meraviglia per gli occhi lo è anche per le orecchie se avrete la fortuna di sperimentare personalmente la sua acustica incredibile. Le possibilità non sono poche, visto che è spesso sede di concerti ed eventi di varia natura. Il costo del biglietto di ingresso è di 3 (euro), fatto salvo per i bambini che non pagano.

HELSINKI - TEMPPELIAUKION KIRKKO

Senaatintori

La Piazza del Senato (Senaatintori) e la Cattedrale Luterana, duomo di Helsinki, sono probabilmente i monumenti più noti.Visibile da ogni punto della città, la cattedrale si eleva al termine di una lunga scalinata, il suo basamento e la sua silhouette dominano la piazza del parlamento. Sicuramente elegante ma allo stesso tempo il suo interno risulta forse un po troppo sobrio, oserei dire quasi spoglio. Ad ogni modo, se siete giunti fino ad Helsinky non potete non fare tappe in questo posto !!

HELSINKI - Cattedrale Luterana

Uspenskin

Per gli appassionati di architettura, una sosta alla chiesa ortodossa (Uspenskin) è d’obbligo. Definita una chiccha dell’architettura neobizantina. Detiene il primato di chiesta ortodossa più grande d’Europa e diciamo pure che già solo per questo motivo merita una visita. Anche questa davvero imponente ma totalmente in contrasto con la Cattedrale Luterana, Uspenskin spicca proprio per i suoi colori molto forti.

HELSINKI - Uspenskin

Soumenlinna

L’isola di Soumenlinna, in passato avamposto militare e oggi patrimonio dell’UNESCO, è facilmente raggiungibile in traghetto dal molo vicino al mercato (circa 15 minuti di traversata) e vi impegnerà per almeno mezza giornata, ma il tempo di permanenza varia molto in base alle preferenze del visitatore. A nostro avviso vale la pena farci un salto, davvero caratteristica!!

HELSINKI - Suomelinna

Suomelinna

Suomelinna

Suomelinna

Old Market Hall & Hartwall Arena

Meritano una menzione, infine, il mercato coperto nelle immediate vicinanze (Old Market Hall), il palazzo del Parlamento (Eduskuntatalo), i giardini botanici e il museo d’arte contemporanea. Se siete appassionati di musica, inoltre, progettate la vostra permanenza in concomitanza con un concerto di vostro gradimento all’Hartwall Arena, nota in tutta Europa per la sua acustica eccezionale.

Suomelinna

Suomelinna

Suomelinna

Rimane una piccola insoddisfazione

Helsinki merita di essere visitata, senza ogni dubbio, ma personalmente non convince appieno. Il centro storico, nonostante i tanti monumenti di qualità, non coinvolge il visitatore completamente come in altre città del nord Europa. Il clima che si respira nell’aria è carico di distanza emotiva, non solo verso i turisti ma anche tra chi nella capitale vive ogni giorno. Il costo della vita è elevatissimo, anche se non raggiunge le vette norvegesi, ma non è un fattore che ha contribuito nella mia riflessione sulla città. In definitiva, l’impressione è che la capitale finlandese presenti molti degli aspetti negativi tipici dei paesi nordici, senza però offrire i tantissimi aspetti positivi che si riscontrano in altre città o capitali del nord Europa.